venerdì 26 giugno 2015

NOMEN OMEN

Quell'omino, dall'apparenza inizialmente innocua 
e dalle espressioni finte, 
che nessuno ha eletto, 
continua a distruggere i cardini 
dello stato italiano.
Mai fidarsi di chi sa sempre tutto 
e non accetta consigli.


giovedì 25 giugno 2015

IL CONSIGLIO DELL'ESPERTO

Mastro Titta, famoso come "er boja de Roma", 
visse intorno al 1800.
Chissà cosa penserebbe 
se tornasse oggi nella capitale.
Forse avrebbe molto più lavoro 
di quanto ne ebbe a suo tempo ...


martedì 23 giugno 2015

QUALCUNO VUOLE OLIARE BENE ...

Da un po' di tempo non si parla più di abbattimenti, 
ma il nemico numero uno degli ulivi italiani 
- e più precisamente pugliesi - 
non è la Xylella, bensì la stessa Europa 
che tanto si batte 
contro i nostri eccellenti prodotti alimentari.
I nostri prodotti gastronomici 
sono i migliori al mondo 
e danno fastidio ai produttori di schifezze 
che nel resto della Comunità Europea 
si consumano.
E danno fastidio anche 
alle grandi catene di distribuzione, 
per le quali la salute umana vale meno che niente, 
in confronto al profitto.


sabato 20 giugno 2015

TUTTI A CASA

Gli amanti dei discorsi al contrario saranno finalmente soddisfatti.
Un esercito di benpensanti si è torturato per mesi le meningi, 
chiedendosi ossessivamente non il motivo per cui 
tanta gentaglia fosse fuori dalle patrie galere, 
ma perchè mai uno di loro fosse ancora dentro, 
nonostante un curriculum criminale di tutto rispetto.
Ora anche lui è a casa, coccolato e riverito da fans "indignados" 
rigorosamente connessi ai social, sui quali tanto insistentemente 
hanno gridato la loro solidarietà.
L'Italia è un paese in cui il delinquente non è un danno per la società, 
ma una simpatica canaglia da imitare e rispettare.
E così la marmaglia si trasforma in esempio di vita, 
mentre l'onesto vicino della porta accanto appare sempre più 
come un povero idiota, prigioniero del posto fisso 
e del suo mediocre stipendio.
Soldi facili, a nero, il SUV da guidare ubriachi e senza patente, 
ricatti e stampa di valuta falsa 
... roba da niente.
Per gli italiettani sono altre le cose da punire.



sabato 13 giugno 2015

venerdì 12 giugno 2015

ARRIVO, BUTTA LA PASTA !!

La pacchia è finita.
Per il marito, intendo.
Samantha è di nuovo a casa, 
rientrata nel pieno di una 
riunione di condominio per elevare il numero dei millesimi, 
prima che venisse sospesa per mancanza di partecipanti.
Dopo sei mesi di rutto libero, calzini e canottiere sporche 
buttate da ogni parte, da oggi si riprende la vita di tutti i giorni:
Aspirapolvere mattina e sera, 
pattine ai piedi e cera ai pavimenti.


domenica 7 giugno 2015

IL SACCO DI ROMA

La nuova ondata di arresti conferma 
quanto grave e diffusa sia la corruzione.
Ma credere che le vicende romane 
siano un fatto isolato è da ingenui.
Il marcio in Italia non risiede solo nella pubblica amministrazione 
e nella delinquenza organizzata spesso ad essa connessa.
Il marcio è in tutta una società che condanna a parole ma, 
avendone l'opportunità, sarebbe pronta ad entrare nel giro.
L'italiano si lamenta troppo spesso 
non perchè ferito nel proprio orgoglio di cittadino onesto, 
ma in quanto escluso dall'accesso alla mangiatoia.
Tornaconto individuale contro bene collettivo: 
è il terreno di coltura della mentalità mafiosa 
e del sottosviluppo che essa comporta.
In questo modo non si va da nessuna parte, 
ma si sprofonda sempre più, come nelle sabbie mobili.


sabato 6 giugno 2015

AFFINITA' ELETTIVE

Avviso ai bagnanti:
se siete nati sotto il segno del cancro, 
fate attenzione all'anima gemella, 
non ai gemelli !!


giovedì 4 giugno 2015

MI FA MALE LA PALLA

Un semplice gioco, che l'astuzia di scaltri 
quanto potenti personaggi 
ha saputo trasformare in strumento di dominio di massa.
Milioni di automi che non perdono una partita, 
in televisione o allo stadio.
Conoscono formazioni, schemi di gioco 
e biografie dettagliate delle amanti dei giocatori, 
ma non sanno quanti anni abbiano i propri figli.
Il lavaggio del cervello operato da TV e giornali 
induce una dipendenza formidabile, 
degna del miglior pifferaio magico, 
mentre giocatori e allenatori 
- altrimenti sconosciuti e decisamente analfabeti - 
accumulano ricchezze da favola. 
Le cronache ci insegnano che 
dietro l'apparenza di un gioco limpido, quanto irresistibile, 
si nascondono capitali illeciti ed incalcolabili, 
a dispetto di ogni sano principio sportivo.


lunedì 1 giugno 2015

VENGO ANCH'IO, NO TU NO.

Se è valido il detto 
"chi non ha mai peccato scagli la prima pietra", 
il mondo politico 
non sarà mai teatro di una sassaiola.


mercoledì 27 maggio 2015

martedì 26 maggio 2015

UNA MANO LAVA L'ALTRA

Il patto del Nazareno non è mai morto.
E lo si capisce da come una rete televisiva, 
secoli fa di sinistra, 
accarezza e coccola la destra, 
senza ribattere quando servirebbe.
E' lo specchio di un governo "comunista", 
che con le sue riforme ricalca le orme 
del ventennio più nero e buio della nostra storia.
C'è poco da stupirsi se la vecchia Lucianina 
che punzecchiava le eminenze, 
ora ce la ritroviamo fervente papagirl.
Dopo tutto, 
anche quello che una volta era il piccolo diavolo 
ora legge i comandamenti in TV.


sabato 23 maggio 2015

FUGHE ECCELLENTI

Quando la nave affonda, i topi scappano.
                                                       (Confucio)


venerdì 22 maggio 2015

IL GATTO E LA VOLPE

Se le follie politiche del governo 
vanno avanti senza intoppi, 
è grazie all'appoggio esterno di "qualcuno" 
che garantisce la maggioranza nelle votazioni.
Si pensava che il patto del Nazareno 
fosse morto e sepolto, 
invece c'è sempre LUI dietro.
Un'opposizione di facciata 
che nasconde una complicità bella e buona.
Chi ne paga le spese 
- come al solito - 
l'Italia.


mercoledì 20 maggio 2015

BUONA PER CHI ?

Nonostante le proteste 
il duce procede imperterrito.
La scuola si deve distruggere ad ogni costo.
E così il nuovo patto del nazareno 
approva le norme sconsiderate 
su presidi caporali e la solita 
pioggia di soldi alle private.
Una mano tesa a mafia e pretaglia.


martedì 19 maggio 2015

domenica 17 maggio 2015

OCCASIONI PERSE

In Italia la meritocrazia non si conosce.
E questo inizia già dai banchi di scuola, 
dove tutti - bene o male - 
un pezzo di carta lo prendono.
La situazione precipita con le scuole private, 
tanto care al governo, che regalano 
- o meglio, vendono - 
diplomi e lauree a pieni voti, 
dietro lauto compenso.
A scapito di chi studia veramente 
e da adulto si ritrova disoccupato, 
perchè i posti sono già stati presi 
dagli analfabeti figli di papà.
( o più correttamente, di chissà chi ).


giovedì 14 maggio 2015

LA BUONA SCUOLA ... DEI RICCHI

Il duce non eletto avanza imperterrito 
nella marcia sulla scuola pubblica.
Che funzioni proprio non gli sta bene.
Anche il garante, 
dietro promessa di un drink di olio di ricino, 
si schiera contro gli insegnanti.
Regalare i pochi soldi a disposizione alle private 
e lasciare il resto ai presidi caporali.
E per chi non obbedisce, 
manganellate e nota sul registro !!


mercoledì 13 maggio 2015

UN FRESCO VENUTO MALE

E' ufficiale.
Le fiamme di Fiumicino sono partite 
da un condizionatore d'aria portatile.
... Quando si vuol fare una cosa 
e invece se ne fa un'altra ...


domenica 10 maggio 2015

A VOLTE RITORNANO ...

Eccolo di nuovo.
Più gonfio, più sfatto, 
ma sempre con le stesse parole in bocca.
Anche le gambette 
non sono più quelle di una volta 
e rotola giù dalla pedana.
Un finale veramente ... col botto !!


sabato 9 maggio 2015

FUOCO AMICO

Tutto ciò che avreste voluto sapere, 
ma non avete avuto il coraggio di chiedere, 
sull'incendio di Fiumicino.



giovedì 7 maggio 2015

FATTA LA LEGGE, TROVATO L'INGANNO

Ogni legge, in Italia, a prima vista sembra ben fatta.
Ma se si va a guardare bene si scopre 
che ne beneficiano sempre gli stessi: 
proprio quelli che non lo meriterebbero.
Nonostante l'abolizione votata oggi, 
il vitalizio ai politici corrotti 
- per un motivo o per l'altro - 
è salvo.


martedì 5 maggio 2015

SBATTI IL MOSTRO IN PRIMA PAGINA

Vignette in piazza contro la riforma del nuovo duce.
Contro il precariato ed i presidi sceriffi.
Contro il tornaconto personale del potere 
ed i soldi sottratti alla collettività 
per essere distribuiti a pioggia al clero.







sabato 2 maggio 2015

LA SCUOLA IN PIAZZA

Nel silenzio generale dei media, 
si avvicina il giorno dello sciopero del personale scolastico, 
contro lo sfascio del sistema educativo 
e le ultime belle trovate del nuovo duce alla fiorentina.
Nella pagina "Scuola" di questo sito 
si trovano alcune vignette sul tema.
Chi fosse interessato ad utilizzarle su cartelli, magliette e striscioni, 
potrà richiederne copia in risoluzione maggiore 
seguendo le indicazioni contenute nel post.



mercoledì 29 aprile 2015

LA CURA GIUSTA AL MOMENTO GIUSTO

La democrazia di Matteo ?
In fondo a destra.


IL PRIMA E IL DOPO

L'Expo non è ancora iniziato e già dà i suoi frutti.
La Carta del Cibo di Milano 
stabilisce un principio universale:
"chi mangiava prima mangia pure dopo"
OVVERO
"Se da una parte entra, da un'altra deve pur uscire"
O MEGLIO
"Tutto come prima"


giovedì 23 aprile 2015

LIBRI E LIBRETTI

Dopo la Giornata Mondiale della Terra, 
arriva quella del Libro.
Gli italiani non amano molto leggere, 
eppure un buon libro 
sostituisce in modo egregio isole dei famosi, 
grandi fratelli e TV spazzatura in genere.
Un antidoto alla stupidità ed all'inutilità 
che ogni giorno ci viene sbattuta in faccia 
dal piccolo schermo.


mercoledì 22 aprile 2015

EARTH DAY 2015

Tra riscaldamento globale, 
buchi nell'ozono, inquinamento, 
deforestazione e gas intestinali 
che devastano l'ambiente, 
oggi si festeggia 
The Earth Day 2015.


domenica 19 aprile 2015

ARMIAMOCI E PARTITE

Mezzo mondo si riversa sulle nostre coste e nessuno 
- Italia a parte - muove un dito.
L'Europa alza la voce solo quando c'è da chiedere, 
ma quando si tratta di dare ...


martedì 14 aprile 2015

LE MACERIE DELLO STATO

Scuole, ponti, argini.
In Italia tutto crolla, compreso il PIL.
Le uniche a non crollare sono le strutture private 
- a prevalente gestione clericale - 
che il governo provvede immancabilmente 
a foraggiare senza risparmi.
E così i preti brindano con i nostri soldi, 
tanto sotto le macerie ci rimaniamo noi.


lunedì 13 aprile 2015

PALERMO - CATANIA IN DUE MESI

La mortificazione della meritocrazia in Italia 
ha un caro prezzo.
Se a lavorare fossero i più bravi 
e non i più raccomandati, 
il nostro paese sarebbe estremamente migliore.